Home and Boat Italy

Dorotea ~ Giudecca

Caratteristiche

  • lavastoviglie
  • lavatrice
  • cucina
  • tv
  • wi-fi
  • riscaldamento

Dorotea è un’ elegante abitazione privata in riva al Canale della Giudecca: questo appartamento renderà il vostro soggiorno a Venezia molto più piacevole e romantico rispetto ad una semplice camera d’albergo.

La casa è stata restaurata ed arredata con gusto. Ha due ampie finestre, ciascuna su ogni piano, che offrono una vista spettacolare sulle meraviglie di Venezia: La Salute, Piazza San Marco, il Palazzo Ducale e San Giorgio.

Descrizione dell’appartamento:
– Piano terra: camera doppia.
– Primo piano: soggiorno; sala da pranzo che conduce ad una cucina completamente attrezzata, separata da una porta scorrevole; camera matrimoniale con bagno privato in marmo con un’ampia doccia.
– Secondo piano: soggiorno che conduce ad una piccola camera matrimoniale separata da una parete divisoria. Bagno con doccia.
Comfort: lavastoviglie, lavatrice, wi-fi, tv, riscaldamento.

Destinazione: Venezia

Camere da letto: 3

Bagni: 2

Posti letto: 6

Cosa pensano i nostri clienti

Informazioni sulla zona:

L’appartamento Dorotea è un’abitazione privata in riva al Canale della Giudecca, si trova vicino a uno dei capolavori di Palladio, la famosa Chiesa del Redentore.

La Giudecca è uno dei segreti più nascosti di Venezia: un luogo incantevole abitato quasi soltanto dai veneziani, che ospita comunque alcuni dei migliori bar e ristoranti della città lagunare.

Potrete pranzare da Altanella, da Harry’s Dolce o da Cipriani, sul canale, per sentire lo spirito marinaro di Venezia.C’è un vaporetto che passa proprio fuori dalla vostra porta: Piazza San Marco è a sole 3 fermate.

La basilica di San Marco a Venezia è la chiesa principale della città, cattedrale metropolitana e sede del patriarca. Assieme all’omonimo campanile e a piazza San Marco, che da essa prende il nome, è il principale monumento di Venezia e uno dei simboli d’Italia.

Sino alla caduta della Repubblica Serenissima è stata la chiesa palatina dell’attiguo palazzo Ducale, retta a prelatura territoriale sotto la guida di un primicerio nominato direttamente dal doge. Ha assunto il titolo di cattedrale a partire dal 1807, quando fu qui trasferito dall’antica cattedrale di San Pietro di Castello.

×